Filatelia religiosa: i valori postali di Propaganda Fide

postato in: EXTRA, Generale, Soggetti | 1
1 lira
Francobollo della Serie Propaganda Fide. Valore= 1 Lira

Nel 1923 il Regno d’Italia emise una serie di francobolli oggi unanimemente considerata fra le più interessanti dell’intera produzione. Si tratta di valori postali commemorativi, emessi in occasione della celebrazione del terzo centenario dell’attività  di  Propaganda Fide.

La Sacra Congregazione di Propaganda Fide fu istituita il 22 giugno 1622 dall’allora Pontefice Gregorio XV con la bolla Inscrutabili Divinae con la funzione di promuovere in tutto il mondo la missione apostolica della Chiesa universale.

Nata all’indomani della Controriforma, ebbe un ruolo molto importante nella lotta alle idee protestanti che si diffondevano in Europa, con il fine di riportare alla fede cattolica quelle anime che si erano lasciate irretire dalle eresie, in particolare le Chiese orientali. Non a caso, oggi, le sue funzioni sono state affidate alla Congregazione per le Chiese Orientali.

Prima di osservare attentamente i francobolli della serie, emessa precisamente l’11 giugno 1923, va subito sottolineata una caratteristica molto particolare, che li rende dei pezzi davvero speciali, soprattutto per quanto concerne l’aspetto collezionistico.

20 Centesimi
20 Centesimi

Questi francobolli, infatti, furono venduti solo a Roma  fra l’11 e il 13 giugno dell’anno di emissione, con una validità postale che poteva arrivare fino al 30 giugno 1923. Inoltre, il loro particolarissimo formato (mm 55 x 36) non fu mai più utilizzato. Realizzati in stampa tipografica dallo stabilimento Petiti di Roma, furono disegnati da G.B. Conti.

30 Centesimi
30 Centesimi

C’è anche un altro primato da segnalare: si tratta dei primi francobolli italiani che raffigurano soggetti religiosi riferiti alla dottrina della Chiesa cattolica. Il che non è un dato trascurabile se pensiamo che era appena nato il Fascismo e che qualche anno più tardi fra lo Stato Italiano e la Chiesa saranno firmati i Patti Lateranensi (1929).

50 Centesimi
50 Centesimi

Delle 200.000 serie stampate, 150.000 furono donate alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli, una delle nove congregazioni della Curia Romana.

L’immagine raffigurata è quella di Gesù ritratto nel momento in cui invia i suoi apostoli in missione per annunciare il Vangelo: praedicate evangelium omni creaturae (“Andate per tutto il mondo e predicate il Vangelo a ogni creatura”).

L’effigie del medaglione in alto a sinistra è quella di Gregorio XV, mentre in quello di destra sono raffigurati rispettivamente: Santa Teresa d’Avila (20 ct.); San Domenico (30 ct.); San Francesco di Paola (50 ct.); San Francesco Saverio (1 Lit.).

La stessa serie fu emessa anche per le colonie italiane: Eritrea, Somalia, Cirenaica, Tripolitania. Come già accennato, è una delle serie universalmente considerata fra le più belle mai emesse nel Regno di Vittorio Emanuele III.

Il 20 Centesimi emesso per la Tripolitania
Il 20 Centesimi emesso per la Tripolitania

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente cliccando su MiPiace posto all’inizio dell’articolo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Rispondi a angela rotundo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code