Egim: varianti o svarioni?

postato in: Generale, Serie | 3
Egim 132.1
Immagine n. 132 B

Alle bizzarrie presenti nella Serie Isonzo edita da Egim, siamo abituati da tempo. C’è da dire, naturalmente, che di solito esse sono costruzioni collezionistiche più che veri strafalcioni causati da presunte distrazioni dei grafici della casa editrice di Viale Isonzo.

Cominciamo dal numero progressivo.

L'immagine n. 132 bis
L’immagine n. 132 bis

Se per il collezionista seriale è l’elemento fondamentale, forse ancora più importante della stessa immagine raffigurata, per l’azienda produttrice è semplicemente il numero che identifica l’oggetto all’interno del magazzino (inteso anche come archivio).

Esso diventa indispensabile soprattutto in presenza di soggetti simili o identici (pensiamo a quanti San Giuseppe sono stati pubblicati nella serie), per cui consente facilmente di individuare l’esatta immagine desiderata dal committente. Ecco che il numero risolve tutto.

Vi sono poi casi in cui obiettivamente riesce difficile non pensare che si tratti proprio di una banale svista (beninteso può accadere a tutti!). Come l’immagine n. 132 B che si presenta identica in ogni minimo particolare alla medesima con numero 132 bis.

Egim 132 verso

Volendo essere precisi, è stata stampata prima la 132 B. Il fenomeno riguarda i santini con il secondo logo, nel senso che dovremmo trovare entrambi i numeri (132 B e 132 bis), mentre non dovrebbe sussistere in quelli dell’edizione con primo logo, in cui dovremmo trovare il solo 132 B.

Il condizionale è ovviamente d’obbligo e invito gli amici egimisti a commentare eventuali risultanze differenti. Naturalmente vi sono altri casi simili.

Ciò che personalmente ritengo non si tratti di una vera variante è invece la differenza di coloritura, o meglio, la diversa tonalità che troviamo in alcuni santini della serie. È il caso, per esempio, di questo santino raffigurante San Giuseppe, corrispondente all’immagine n. 32 della serie.

Due santini della Serie Isonzo, corrispondenti al numero progressivo 32. Si nota la diversità di tono
Due santini della Serie Isonzo, corrispondenti al numero progressivo 32. Si nota la diversità di tono

Come potete notare, le due immaginette hanno diversa tonalità. A voler essere pignoli, sembrerebbe che anche i volti di San Giuseppe e di Gesù Bambino presentino delle leggere variazioni. Voi cosa ne pensate?

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente cliccando su MiPiace posto all’inizio dell’articolo.

Copyright (©) Tutti i diritti riservati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

3 risposte

  1. Demetrio Guzzardi

    Guardandoli bene… sono 2 immaginette DIVERSE.
    Altre volte le diverse tonalità possono derivare dalla carta o dall’inchiostrazione… Ma questa mi sembra davvero diversa… Ora devo vedere se io ho queste due VARIANTI…

  2. angela rotundo

    Io ho sia l’immaginetta n. 132 B con il logo ED.G.MI e la 132 bis con il logo C ED.G.MI , per quanto riguarda S.Giuseppe ho le due immaginette e guardandole bene sono diverse, anzi ho pure quella con il nuovo logo. L’articolo molto bello

  3. agostino

    L’immagine a destra risulta più antica e realistica, quindi i personaggi risultano più
    veri.
    Grazie Biagio, del post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code