Un sistema per conservare a lungo le nostre immaginette

pubblicato in: Accessori, Generale | 0

Ho più volte trattato l’argomento, che forse sta più a cuore ai collezionisti, almeno a quelli più attenti. Quello della conservazione è  un problema serio, che se non affrontato nel modo giusto può provocare danni irrerversibili alla nostra collezione. Naturalmente, come ho già avuto modo di spiegare QUI e QUI dipende dalla tipologia di immaginette.

Ci sono quelle molto delicate, come le miniature e le incisioni in taglio dolce, che se vengono custodite in maniera inidonea, per esempio nei fogli con tasche in acetato, col tempo rischiano di subire danni permanenti ai colori e agli inchiostri, mentre non dovrebbero avere gli stessi problemi i santini in offset.

In alcuni casi poi, come per esempio a proposito delle immaginette stampate o dipinte su celluloide, non solo il rischio riguarda le raffigurazioni, ma lo stesso supporto, che può subire addirittura delle deformazioni. Pensate che, per una conservazione ottimale, la celluloide non dovrebbe stare in un ambiente con una temperatura superiore a 22° e un livello di umidità superiore al 65% .

Come ho sempre affermato, la soluzione migliore in questi casi è conservare le nostre immaginette nella carta.

Accade però a volte che la carta non sia l’ambiente ideale, soprattutto se le immaginette presentano macchie di umidità, di ruggine o muffe: in questi casi, dopo qualche tempo, tali macchie si espanderanno non solo su tutta l’immaginetta, ma contamineranno anche la carta nella quale essa è custodita.

Tuttavia una soluzione esiste, ma richiede un po’ di tempo da dedicarvi e soprattutto un costo non proprio indifferente.

Intanto, vediamo il materiale che occorre:

1) un foglio di carta A4 da 300 g/m²;
2) tasche hawid (o Kanguro) pregommate;
3) un cotton fioc;
4) acqua.

Nelle immagini che seguono, potrete osservare come ho realizzato il foglio, con quattro tasche, nelle quali ho poi sistemato dei santini realizzati in celluloide.

Prendete il foglio, di grammatura 300 g/m². Come noterete è molto più spesso rispetto a un foglio normale A4.

Preparate le tasche, in base alla misura delle immaginette. Le Hawid da 160 x 120 d mm sono molto versatili, in quanto si possono tagliare a seconda della misura desiderata. Io uso queste, ma anche le Kanguro commercializzate da Bolaffi sono di ottima qualità.

Una volta tagliata la tasca della misura desiderata, passate il cotton fioc imbevuto d’acqua sulla parte pregommata della stessa

Ora incollate la tasca sul foglio e procedete con le altre. Una volta terminato, inserite le immaginette all’interno delle tasche e otterrete questo risultato

Il foglio è completo. Potreste anche inserire dei dati a penna o a stampa al di sotto delle immaginette. Se credete opportuno, potete poi inserire il foglio all’interno di copertine forate trasparenti, da inserire a loro volta in un raccoglitore ad anelli.

A questo punto, veniamo al costo. Ebbene, ogni foglio completo ha un costo minimo di 0,80 Euro. Un po’ alto, certo, ma è il prezzo da pagare per avere la sicurezza che fra 20 anni potrete ancora ammirare le vostre immaginette così come le avete conservate al momento dell’acquisizione.

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente condividendolo su uno dei vostri profili social cliccando su una delle icone poste all’inizio dell’articolo.

Copyright (©) Tutti i diritti riservati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code