Fiori di Terra Santa

pubblicato in: Soggetti | 2

La Natività è una delle tematiche più collezionate. Chi non ha santini dedicati alla nascita di Gesù? Facili da reperire, sono stati prodotti in tutte le epoche e pubblicati praticamente da tutti gli editori.

Ciò costituisce ovviamente un fatto positivo, ma al contempo può rappresentare un problema: il collezionista filiconico sa benissimo che una collezione di questa tematica è praticamente infinita, essendo costituita da migliaia e migliaia di pezzi di ogni tecnica e tipologia. È sufficiente dare uno sguardo sui gruppi dei social per osservare immaginette appartenenti a questo tema.

La “natività” comprende tutte le immagini nelle quali è raffigurata la “nascita” di Gesù, il che vuol dire sia quelle in cui è rappresentato da solo, sia in quelle in cui compaiono anche Giuseppe e Maria. Sotto l’aspetto puramente collezionistico si possono individuare delle sotto-tematiche, così da limitare l’ambito di ricerca soltanto ad alcuni soggetti, come per esempio, Gesù Bambino, Gesù Giuseppe e Maria, la Visita dei Pastori, I Re Magi. Oppure, si possono collezionare immaginette appartenenti soltanto a un’epoca o a una tecnica di produzione particolare.

Per esempio, una interessante collezione è quella rappresentata dal tema della Natività di Gesù raffigurato nelle immaginette appartenenti alla tipologia dei “fiori di Terra Santa”. Queste immaginette sono dei collages, costituiti principalmente da fiori e piccole foglie reperite in Terra Santa e che hanno toccato uno dei luoghi sacri, come il Santo Sepolcro o la mangiatoia dove nacque Gesù.

In genere, al centro, in primo piano, si trova applicata una cromolitografia – in quelle più datate – o una immagine in offset, che per quelle di più recente produzione può essere direttamente stampata sul fondo cartaceo.

Cominciano a diffondersi nei primi anni della seconda metà dell’Ottocento e, malgrado si potrebbe pensare che fossero prodotte sul luogo, erano prodotte principalmente dalle case editrici europee, fra cui francesi e italiane.

Quelle che potete qui osservare sono state realizzate in Francia e in Italia a partire dagli anni 80 dell’800.

Una precisazione, infine. Alcuni classificano queste immaginette nella categoria dei santini-reliquia, considerando come tale i fiori e le foglie che sono stati a contatto con il Santo Sepolcro o altri luoghi santi.

Personalmente mi sento di escludere tale catalogazione. La possibile classificazione potrebbe essere quella di reliquie di terza o quarta classe, ma a condizione di considerare come reliquia l’intero luogo (il sepolcro, la grotta, etc.).

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente condividendolo su uno dei vostri profili social cliccando su una delle icone poste all’inizio dell’articolo.

 

 Copyright (©) Tutti i diritti riservati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 Responses

  1. angela

    Iniziamo bene il nuovo anno complimenti l’articolo molto interessante grazie

Lascia una risposta

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code