La Pontificia Opera della Santa Infanzia

postato in: Case editrici, Generale, Soggetti | 2
Santino degli anni 60 dedicato alla Pontificia Opera della Santa Infanzia. Edizioni se.pi Roma
Santino degli anni 60 dedicato alla Pontificia Opera della Santa Infanzia. Edizioni se.pi Roma

È difficile individuare tutta la produzione filiconica della Pontificia Opera della Santa Infanzia, sia perché – al momento – non esiste un catalogo che ne raccolga le immaginette pubblicate, sia perché la POSI non è mai stata casa editrice, ma semplicemente si limitava a commissionarle.

Le prime immaginette dedicate all’attività dell’Opera risalgono probabilmente agli ultimi decenni del XIX secolo, sebbene le sue origini risalgano al 1843, e sono state pubblicate in Italia, ma anche in altri Paesi del mondo.

Per gli stessi motivi già sopra accennati, non ci è possibile neppure conoscere quante e quali case editrici hanno negli anni prestato il loro marchio per la stampa di queste particolarissime immaginette. Fra le più note, cito fra tutte la A.L.M.A e la AR di Milano, ma anche la se.pi di Roma.

L’idea di fondare l’Opera venne a Monsignor Charles de Forbin-Janson, Vescovo francese, il quale volle “fare qualcosa” per i bambini cinesi che morivano senza essere stati battezzati. Coinvolgendo i bambini francesi, chiese loro di pregare per i loro coetanei cinesi e di versare “un soldino al giorno”. In seguito, probabilmente, in cambio di quei pochi spiccioli venne dato ai bambini un santino. Francia, Italia, Belgio, Spagna, da allora la Pontificia Opera della Santa Infanzia si diffuse in diversi paesi.

Sotto l’aspetto iconografico, le immaginette dell’Opera sono caratterizzate dalla presenza di bambini nella rappresentazione, spesso accompagnati da Suore o Frati. Vi sono anche santini che risultano “prestati” all’Opera, come nel caso di questo santino della Serie Z della AR – si tratta dell’immagine n. 37 raffigurante l’Infante Gesù – sul quale è stato stampato il timbro “Pia Opera della Santa Infanzia”. A meno che non si tratti di un’altra organizzazione.

Santino della Serie Z edito dalla AR "utilizzato" dall'Opera della Santa Infanzia
Santino della Serie Z edito dalla AR “utilizzato” dall’Opera della Santa Infanzia

Nell’ambito della produzione specificamente dedicata all’Opera ho trovato molto interessanti i santini della serie pubblicata dalla casa editrice romana se.pi. Come potete osservare i personaggi della Madonna e di Gesù hanno tratti orientali, così come appartengono evidentemente al Levante i paesaggi che fanno da sfondo.

Ancora un santino della POSI, edizioni se.pi di Roma
Ancora un santino della POSI, edizioni se.pi di Roma

Concludo dicendo che si tratta di santini la cui reberibilità è abbastanza elevata e anche i prezzi sono piuttosto abbordabili: si parla di un costo medio non superiore ai 2,00 Euro.

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente cliccando su MiPiace posto all’inizio dell’articolo.

Copyright (©) Tutti i diritti riservati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 risposte

  1. Demetrio Guzzardi

    La Pontificia Opera della Santa infanzia, con sede a Roma in Via di Propaganda, 2 oltre ai santini, pubblicava anche dei calendarietti ed una rivista IL PONTE D’ORO. La particolarità dei suoi santini è che il retro nella stragrande maggioranza dei casi riportava: gli scopi («Salvar la vita ai bambini pagani abbandonati, procurar loro la grazia del Battesimo ed una educazione cristiana»), gli obblighi e chi poteva essere “membro” «possono associarsi i ragazzi dal giorno del Battesimo fino ai dodici anni; dopo i dodici anni si diviene “aggregati”». Naturalmente da non CONFONDERE con la Pontificia Opera dell’Infanzia Missionaria che aveva (e credo abbia) la propria sede in via di Propaganda 1c (credo di fronte all’altra organizzazione).

  2. angela rotundo

    Effettivamente si trovano con molta facilità però sono molti belli quel tocco esotico li rende unici. Grazie del bell’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code