Santi cefalofori ovvero portatori della propria testa mozzata

postato in: Soggetti | 1

La tipologia iconografica di cui sto per parlare è rappresentata dai cosiddetti santi cefalofori.

La cefaloforia – lett. dal greco κεφαλη (testa) e φερω (portare) – consiste infatti in quel miracolo, del quale sono stati protagonisti alcuni santi martiri, i quali dopo essere stati decapitati, raccolsero la propria testa e continuarono ad agire come nulla fosse stato.

Si badi che l’elemento caratterizzante non è tanto il martirio in sé, quanto il relativo e conseguente miracolo del continuare a vivere reggendo la testa nelle mani. Pertanto, anche dal punto di vista filiconico, la tipologia dovrà essere rappresentata soltanto da immagini che raffigurano i santi in questione, ma con la testa fra le mani.

I santi che subirono il martirio della decapitazione furono numerosi e basta sfogliare i vari leggendari e/o le vite dei santi per conoscerli singolarmente. Per fare qualche esempio menzionerò San Cristoforo, San Giorgio, i martiri di Ceuta e naturalmente San Giovanni Battista.

Ma vediamo i santi cefalofori.

Uno dei più noti è San Dionigi l’Areopagita, così definito perché si convertì al cristianesimo a seguito di un discorso tenuto da San Paolo presso l’Areopago di Atene. La sua identità è spesso confusa: c’è chi lo vuole Primo Vescovo di Atene, chi Primo Vescovo di Parigi e – in Italia – Primo Vescovo della città di Crotone.

Quale che sia la verità agiografica poco importa ai fini iconografici (peraltro lo si identifica facilmente). Jacopo da Varagine nella Legenda Aurea, ci dice – fra le altre cose – che fu convertito alla fede da San Paolo e che era chiamato l’Areopagitaperché abitava in un quartiere detto l’Areopago“. Sempre Jacopo da Varagine ci informa che “appena fu decapitato, il suo corpo si rialzò e prese la testa“. Secondo altre leggende, camminò per diversi chilometri con la testa in mano che provvide a lavare fermandosi presso una fontana lungo il cammino.

San Donnino

Un altro cefaloforo abbastanza noto è San Donnino, tribuno romano dell’esercito di Massimiano. Narra la leggenda che – convertitosi al cristianesimo – mentre fuggiva verso Roma fu raggiunto dai sicari che lo torturarono e decapitarono sulle rive del torrente Stirone. Si narra che il Santo, come se nulla fosse, raccolse la sua testa rotolata a terra, e continuò il suo cammino, attraversando il torrente.

Simile al racconto di San Donnino sono le  leggende di San Miniato e di San Regolo, il primo decapitato  sulle rive del fiume Arno: la testa cade e rotola a terra, ma il Santo con “pazienza cristiana” la raccoglie e si incammina, oltrepassando il fiume; il secondo,  con la testa nelle mani continua addirittura a predicare.

Gli esempi sarebbero tanti, ma voglio lasciarvi il gusto della ricerca e mi fermo qui… anche perché, mi è venuto un forte mal di testa.

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente cliccando su MiPiace posto all’inizio dell’articolo.

 

 

 Copyright (©) Tutti i diritti riservati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  1. angela

    Bellissimo, per fortuna che avete raccontato tutto con la testa sul collo altrimenti avremmo dovuto ricordare anche san biagio gamba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code