Sant’Antonio dalla barba nera…

pubblicato in: Soggetti | 2

Come sappiamo molte delle immagini (quasi tutte a dire il vero) che rappresentano i santi della Chiesa sono state inventate dagli artisti che, nel corso dei secoli, le hanno disegnate basandosi, il più delle volte, sulle narrazioni dei leggendari e/o delle vite dei santi, prima fra tutti la famosa Legenda Aurea di Jacopo da Varagine.

Ciò vale anche per il celebre santo di Padova, Sant’Antonio, del quale è stata di recente addirittura effettuata una ricostruzione computerizzata del volto (ne ho parlato qui)

Seconda l’iconografia tradizionale, le fattezze del Santo sono quelle di un giovane frate, con tanto di tonsura e la faccia pulita, cioè senza barba, più o meno come nell’immagine che vedete riprodotta sopra.

Tuttavia, esistono delle immagini, non molto diffuse per la verità, in cui Sant’Antonio di Padova appare con una barba nera, anche se non lunghissima e più conforme alla moda dei giorni nostri.

L’opera più celebre nella quale si vede il frate di Padova con la barba si trova a Siviglia, al Museo delle Belle Arti: è un dipinto del Murillo e raffigura il Santo mentre regge il Bambino in piedi sul libro.

A essa si sono ispirate più o meno le altre immagini che lo rappresentano con il mento barbuto.

C’è anche un’altra immagine che lo ritrae con la barba e si trova a Napoli, a Posillipo. Il Santo è ritratto frontalmente, con i tipici suoi attributi, il Bambino sul braccio sinistro e il giglio nella mano destra.

Per i numerosi collezionisti tematici non è sicuramente una novità. Anzi, se qualcuno ne possiede, ci segnali qui ulteriori immagini di Sant’Antonio di Padova con la barba nera. O magari con la barba bianca, come sembra assicurare questa vecchia  filastrocca

Sant’Antonio dalla barba bianca
fa che io trovi quello che mi manca!
Sant’Antonio dalla barba nera
fammi trovare quel che prima c’era!

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente condividendolo su uno dei vostri profili social cliccando su una delle icone poste all’inizio dell’articolo.

Copyright (©) Tutti i diritti riservati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 Responses

  1. angela

    anche io come Agostino ne ho qualcuna di editori tedeschi ma ne ho una della Parrocchia S.M.Immacolata di Mussoi Belluno,una della grafie Favia Bari, una del Messaggero di S.Antonio -Padova, una piccolina color seppia senza indicazioni utili da attribuire a qualche ditta . Riflettendo , tutte le immaginette dovrebbero raffigurare san Antonio con la barba visto che era un frate cappuccino ma non è così, grazie Biagio come sempre affrontate argomenti a cui uno non pensa mai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code