Crocifissi di carta

Crocifisso su intaglio meccanico. Parigi, 1867. Editore Regnault.
Crocifisso su intaglio meccanico. Parigi, 1867. Editore Regnault.

Per quanto mi riguarda, sono le uniche immaginette della tipologia “traforate a punzone” che colleziono. E non saprei spiegarne il motivo specifico. In fondo, non differiscono molto dalle altre traforate. Eppure, a differenza delle altre appartenenti alla sterminata produzione sansulpiciana, mi hanno sempre affascinato.

Crocifisso su carta traforata
Crocifisso su intaglio meccanico. Parigi. Anni 60 del XIX secolo. Produttore anonimo.

Precisiamo subito che i Crocifissi di carta intagliata sono delle immaginette devozionali, e come tali erano destinati per lo più a proteggere il devoto in un determinato contesto: la casa, la famiglia, la stalla, etc.

Queste, in particolare, si posizionavano generalmente  sul comodino (o sul comò) della camera da letto, come dimostra la linguetta applicata sul verso, che serviva a mantenere il Crocifisso in piedi, il più delle volte invano (forse per questo non ebbero un grande successo).

L’immaginetta di componeva di due pezzi differenti: la croce intagliata e la figura di Gesù, generalmente in cromolitografia, applicata sopra. La loro diffusione coincide con il resto della produzione sansulpiciana, ovvero a partire dalla metà dell’Ottocento. Il motivo artistico è sempre lo stesso: una croce circondata da decorazioni vegetali, quasi sempre tipici del simbolismo cristiano della Passione.

Ai vari tralci della vite e alle spighe di grano si aggiungono la lancia del Centurione, il martello, la tenaglia, il teschio di Adamo e altri simboli tipici di questo tipo di iconografia.

Va detto che se le prime stampe di questa tipologia sono più semplici ed essenziali dal punto di vista iconografico, in seguito gli editori parigini diedero prova di grande abilità nel ricercare motivi e figure che potessero colpire maggiormente il gusto dei devoti-clienti. Pertanto, possiamo distinguere due sottocategorie di questa tipologia, la seconda delle quali ci presenta un campionario molto più vasto di soggetti.

Immagine del Volto Santo su cromolitografia applicata "a sorpresa" su intaglio meccanico. Francia, seconda metà del XIX secolo
Immagine del Volto Santo su cromolitografia applicata “a sorpresa” su intaglio meccanico. Francia, seconda metà del XIX secolo

I pezzi appartenenti alla prima delle due categorie sono distinguibili anche a occhio e, peraltro, oggi difficilmente reperibili. Generalmente, a differenza delle altre, queste  non presentano preghiere o altre invocazioni, né il riferimento alla casa editrice che le ha prodotte. Uno di questi produttori fu Victor Regnault di Parigi (vedi immagine in alto a sinistra), con sede al civico 20 di rue Hautefeville, editore di cui si hanno scarse notizie.

Cromolitografia applicata su croce traforata a punzone. Variante iconografica dei Crocifissi Intagliati
Cromolitografia applicata su croce traforata a punzone. Variante iconografica dei Crocifissi Intagliati

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente cliccando su MiPiace posto all’inizio dell’articolo.

Copyright (©) Tutti i diritti riservati

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 risposte

  1. agostino

    Complimenti Biagio per i Santini e il post.
    Sono eccezionali. Caso mai volesse cambiarlo con alcuni miei Santini, quello del Volto Santo.
    Cordialità e grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code