Un intaglio-collage del XVIII secolo

Se gli intagli meccanici, come abbiamo visto, hanno il pregio di essere praticamente perfetti, c’è un’altra categoria di intagli, quella dei manufatti.

Realizzate a mano negli ambienti conventuali femminili – sembra che fra le artiste vi fosse stata anche Santa Caterina de Ricci – questi intagli-collages manufatti rappresentano delle piccole opere dell’arte devozionale. Tanto delicate quanto rarissime e difficili da reperire in uno stato di conservazione ottimale.

La produzione ha interessato un po’ tutti i paesi europei, dalla Francia ai Paesi Bassi, dalla Germania alla stessa Italia. Oltre a essere manufatti, erano prevedevano l’utilizzo di più pezzi, a volte di materiale differente.

Il lavoro che state osservando rappresenta Gesù Crocifisso, acquarellato su carta pesante intagliata e applicato in un ovale, contornato da una cornice dorata da motivi vegetali, a tratti acquarellati. Il fondo interno è in carta più sottile di colore blu. Dalla didascalia, in lingua tedesca, si capisce che è un ricordo di un pellegrinaggio.

Le misure sono quelle classiche delle immaginette devozionali, ovvero cm 9 x 15. Il verso è privo di scritte.

Se avete trovato il post di vostro interesse potete esprimere la vostra opinione postando un commento o semplicemente condividendolo su uno dei vostri profili social cliccando su una delle icone poste all’inizio dell’articolo

Copyright (©) Tutti i diritti riservati
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code